Luogo

Piazza Matteotti

Maggiori informazioni

Sito della compagnia

Data

Lug 29 2019

Ora

10:15 pm

Costo

Biglietto unico spettacolo o cumulativo per la serata

Evento

Danza,
Spettacoli teatrali

Bamsemble in “Iago – a rock tragicomedy” con ouverture di 16 Cosciotti non depilati 16

Bamsemble in “Iago – a rock tragicomedy”

PRIMA NAZIONALE (replica)

con Sara Bellodi, Andrea Cavarra, Marco Giacomini, Eros Carpita, Roberto Kirtan Romagnoli

regia Loris Seghizzi

maschere e costumi di Zorba Officine Creative.

Tutti conosciamo la tragica storia del Moro di Venezia, di Otello e di Desdemona, il dramma delle due pulsioni fondamentali, Eros e Thanatos, la tragedia della gelosia, scritta nel 1603 dal maestro William Shakespeare.

Zorba presenta una versione dal sapore rockeggiante, nella visione di una band (o banda) di estrosi attori, anche musici e cantanti, in cui si mette al centro della vicenda, come un frontman, Iago, il servo meschino, cinico e misogino di Otello.

È lui a mettere note scure nella storia, portando l’odio, mentre la paura e l’invidia divengono il suo strumento.

Otello, mangiafuoco e guerriero, Desdemona, attrice vera e appassionata, Cassio danzatore Vogue e poi Brabanzio, Montano, Emilia e Roderigo con le mille maschere, saranno i burattini nelle sue mani.

Ma da sempre questa vicenda è anche catarsi per il pubblico di qualsiasi luogo, di qualsiasi etàe di estrazione sociale.

Il male che può rendere infelici è immenso.

L’unico modo per accettarlo è riuscire a riderne.

Le tecniche circensi, il canto, la danza e la musica, l’uso della maschera come nella tradizione della commedia dell’arte, sono gli strumenti attraverso i quali Zorba riesce a trasformare una vicenda tanto drammatica in una eccezionale ed esilarante commedia rock.

Con il sostegno di Scenica Frammenti / Teatro di Lari / Collinarea Festival

Durata: 70 minuti

 

16 Cosciotti non depilati 16

Ouverture

Il balletto goliardico, fiore all’occhiello del Crocchio Goliardi Spensierati

Pisa è città universitaria, e quindi goliardica; non a caso vanta una delle associazioni studentesche più antiche d’Italia: il Crocchio Goliardi Spensierati, o meglio “C.G.S.”, fondato nel 1921 e da allora motore delle iniziative teatrali degli studenti, le famose “operette”, sempre attese dal pubblico per la loro gagliarda irriverenza e sgargiante comicità. Fiore all’occhiello del Crocchio è un corpo di ballo assolutamente unico nel suo genere, i “16 Cosciotti non depilati 16”. Un misto di meraviglia e raccapriccio avvolge il teatro quando quei calcagni pelosi, pigiati in delicate ciabatte di cencio, fanno la loro apparizione sul palcoscenico. Ed è subito un uragano di applausi, una richiesta di “bis” prima ancora che il balletto inizi. Ma i danzatori, forgiati da mesi di durissimo impegno, non battono ciglio: consapevoli del loro ruolo di nonprusuteri della serata, si impegnano ora nelle leggiadre armonie del Valzer delle libellule, ora nel frenetico ondeggiare di gonne nel vorticoso Can can di Enrico Toti. La magia del teatro trasforma la danza in una colossale festa della goliardia – intesa nella sua accezione più autentica di cultura ed intelligenza – alla quale partecipano sullo stesso piano il pubblico e gli artisti; un tripudio di ironia che ci insegna quanto si debba essere seri in oltre un anno di assidue prove per regalare al pubblico quattro minuti di pura gioia. Non è un caso che il teatro studentesco pisano sia nato nel lontano 1889 proprio con una grandiosa coreografia danzante, il leggendario “grande ballo universitario” KROTOKRON. Onore quindi a questi “Cosciotti non depilati”, ultimi discendenti di una schiera gloriosa di geniali mattacchioni, che interpretando perfettamente lo spirito della tradizione hanno portato nuova linfa al più sgargiante fiore all’occhiello della cultura goliardica pisana.

Durata: 15 minuti