MA'AM BUTTERFLY

Scenica Frammenti

Lunedì 16 Luglio, ore 22.00 (prima assoluta)
Martedì 17 luglio, ore 22.00 (replica)
Piazza Matteotti

Liberamente tratto da Madama Butterfly di John Luther Long e David Belasco, poi opera di Giacomo Puccini.

Dopo R&G, la fortunata parodia sulla famosa opera shakespeariana, Scenica Frammenti si cimenta in una nuova trasposizione tragicomica. Stavolta, la scelta ricade sulla celebre “Madama Butterfly”, forse l’opera più famosa di Giacomo Puccini.

Un uomo di quarant’anni, tornando nel luogo della sua infanzia, rivede l’immagine di sua nonna e ricorda di quando lei gli raccontava la “fiaba” di Madama Butterfly. Lui, bambino, si era creato il suo immaginario per sfuggire alla tristezza di quell’opera: Butterfly era un uomo, vestito da donna, Pinkerton era una donna, vestita da uomo, lui voleva essere Kate e cambiare le sorti di quella storia. Il film nella testa del bimbo rompeva l’angoscia della storia con buffe incursioni musicali, dettate dalle canzoni dei vinili che i suoi genitori ascoltavano e da musiche a lui ben conosciute. Oggi, quel bambino divenuto uomo, vede in Butterfly una storia contemporanea, dove tutto esiste nella realtà e non nella messa in scena di uno spettacolo. Ci sono le guerre, ci sono potenti che abusano del proprio potere, ci sono culture che vogliono sopprimere altre culture, ci sono bambine che vengono fatte prostituire perché ci sono uomini che si credono potenti o che potenti lo sono, che abusano di chi si crede debole o debole lo è. Almeno qui, però, nella messa in scena di un ricordo, nello spettacolo di un teatro, si possono cambiare le sorti di una brutta storia. Si può trovare la poesia.

“Come sempre dove c’è una storia d’amore, l’insidia della sofferenza e il dolore. Come sempre dove c’è l’amore si crede che le diversità, le frontiere, le barriere possano essere sormontate. Puntualmente, come sempre, ci rendiamo conto che questo succede solo nelle favole… Già, nelle favole…”.

La giovane Cho-Cho-San diventa simbolo di una storia che si è ripetuta nei secoli e che tutt’oggi non è cancellata.

Butterfly non può essere definito un musical e neanche una commedia musicale. Ci divertiamo a pensarlo come uno spettacolo non catalogabile che vive comunque sulle commistioni degli elementi musicali e teatrali. Qui gli interpreti non sono soltanto cantanti o soltanto attori, le canzoni e la prosa vanno di pari passo. I colori musicali e le scelte drammaturgiche, così come l’intenzione scenica, si muovono su un’ altalena che ci permette di oscillare tra il gioco e il dramma.

Butterfly è uno spettacolo pop, dove l’opera di Puccini è contaminata da citazioni letterarie, giochi sonori, ammiccamenti e rimandi a celebri canzoni della nostra cultura, ma anche un viaggio nel cinema in bianco e nero e a colori, dove i personaggi noti vengono talvolta rapiti per essere vestiti dai nostri protagonisti.

La contaminazione, la ricerca di armonia tra vari generi teatrali quali l’opera, il grande schermo, la musica popolare, sono di ispirazione a questo spettacolo che trasforma Madama Butterfly in un esilarante evento dal sapore di avanspettacolo.

Con Vincenza Barone, Iris Barone, Gabriella Seghizzi, Walter Barone, Eros Carpita, Serena Mennichelli, Loris Seghizzi. Musica eseguita dal vivo da Carlo De Toni (chitarre, percussioni e basso), Nicola Finozzi (chitarre), Massimiliano Nocelli (tastiere e violino), Roberto Kirtan Romagnoli (percussioni), Francesco Oliviero (programmazioni e cori). Luci Michele Fiaschi.

Di e diretto da Loris Seghizzi.

22 luglio 2018 - CONCERTO EVENTO - EPICA, ETICA, ETNICA, PATHOS

Info

Un Collinarea gratuito per tutti. Sostieni il nostro progetto.

10 giorni di festival, 24 spettacoli a “uscita responsabile”

Aiutaci a mantenere gratuito il biglietto sostenendo il nostro progetto di crowdfunding su buonacausa.org

Sostieni il nostro progetto su buonacausa.org
Share This